Categorie
Futsal

Il prepartita di Francesco De Cillis: “Facciamoci un esame di coscienza e ripartiamo con umiltà”

foto

Il periodo della Block Stem Cisternino non è certo dei migliori. La vittoria manca da ormai un mese e mezzo sulla ruota giallorossa, e la brutta sconfitta in terra partenopea non lascia presagire nulla di buono.
L’acquisto del mercato invernale, Francesco De Cillis, ha analizzato il momento della propria squadra, in particolar modo soffermandosi sulla lotta ai Playoff, che adesso vede la banda di Castellana nelle retrovie.

Francesco, iniziamo dall’ultimo match, quello con la Partenope. Quali sono i motivi di un risultato così disastroso e inaspettato?
Abbiamo avuto meno fame rispetto agli avversari, anzi non ne abbiamo avuta proprio. Loro sono entranti in campo con delle motivazioni opposte rispetto alle nostre e la differenza tra i nostri sguardi e i loro era tangibile. Abbiamo giocato male, pensato ad attaccare piuttosto che a difendere, creando poco e subendo tanto.

E’ stato un calo mentale o fisico?
Mentale, altro che fisico. Siamo in ottime condizioni fisiche, ma ci è mancata la grinta necessaria per raggiungere i tre punti. Non dobbiamo avere paura di esprimere le nostre qualità, di dispensare consigli e di riceverne. Mettiamoci tutti in discussione.

Come si rimedia?
Dobbiamo lavorare sodo in settimana, correggere gli errori fatti, migliorare la fase difensiva e mettere in campo oltre alle nostre qualità il cuore per rispetto della società che non ci fa mancare nulla e ai tifosi che ci sostengono anche in trasferta.

Da dove si riparte?
Meditando sugli errori commessi, cercando la chiave di volta giusta. E sappiamo già qual essa sia.

Diamo il massimo in allenamento, entriamo in campo sapendo cosa volere, avendo fame e concentrazione alle stelle. Solo così si potrà invertire questo trend negativo.

Adesso la Salinis. Due ex, tu e Galan, che partita vedremo?
Una partita spero non identica alla scorsa. La Salinis arriverà al PalaWojtyla con la medesima fame della Partenope. Vorrà far bene e conquistare i punti salvezza, fin dalle battute iniziali. Hanno dato filo da torcere al Bisceglie e al Sammichele, soprattutto nella prima frazione. Sarà una partita maschia, fisica, battagliera, fin dal fischio d’inizio. Per vincere dovremo cambiare atteggiamento.

Un mese fa la tua scelta di approdare alla Block Stem Cisternino. Soddisfatto nonostante i risultati?
La società non mi fa mancare nulla ed è per questo che credo che meritino di togliersi notevoli soddisfazioni. Non voglio dare un ulteriore dispiacere a questa gente, dai dirigenti ai tifosi, che sottraggono tempo alla loro famiglia pur di farci giocare al meglio delle nostra possibilità.
Questa è uno dei motivi che ci dovrebbe spingere a invertire la rotta, a trovare la motivazione giusta per conquistare i successi. L’entusiasmo è un continuo andirivieni e arriva più che altro con i risultati: sono sicuro che due vittorie consecutive sarebbero solamente un toccasana per il nostro morale e quello dell’intero paese.

Che idea avevi della squadra e adesso com’è cambiato il tuo pensiero?
Da fuori credevo che il roster fosse uno dei più forti del girone, gente esperta e giocatori promettenti alla prima volta nella categoria. Insomma, il giusto mix che può portare a un risultato eccezionale. Vivendo quotidianamente la squadra, credo che questa non abbia nulla da invidiare a nessuno sotto l’aspetto tecnico. Ci sono giocatori con qualità fuori dal comune. Il segreto è credere in questo e cercare di dare sempre il 100%, anzi da ora anche il 200%.

Una partita in meno rispetto al Policoro, quinta in classifica, ma anche quattro punti sotto e due squadre di mezzo. I playoff sono definitivamente tramontati?

Assolutamente no. Certo, ora l’obiettivo primario è ritrovare noi stessi, la fame e la concentrazione. Bisogna rimanere uniti e compatti, viaggiare tutti insieme verso un unico obiettivo, dal primo all’ultimo, solo così potremmo tirarci fuori da questa situazione spiacevole. Il campionato è ancora lungo, quindi possiamo ancora raggiungere l’obiettivo.


Commenti