Categorie
Futsal

Il prepartita di Danilo Baldassarre: “Saltiamo su questo treno. Il nostro obiettivo è il campionato”

danilo4

Il momento è – molto probabilmente – di quelli che non ti ricapita più. Il sogno promozione, per un piccolo paese come Cisternino, sta per diventare realtà. Mancano due gare alla conclusione del campionato, ma la prossima, la penultima, emetterà i primi ufficiosi verdetti.
Danilo Baldassarre, ancora per una volta, ha la fascia cucita al braccio e probabilmente ci dormirà su questa notte. E’ il simbolo di un paese che vuole diventare grande, vuole fare il salto di qualità e alzare l’asticella. E’ il capitano e nessuno meglio di lui, cistranese doc, può raccontare l’aria che si respira in paese.

danilo2Per Cisternino vs Matera manca poco. Poche ore e si scenderà in campo. Che aria si respira tra le vie di Cisternino?
Non si fa altro che parlare di futsal, il che ci rende fieri. Vuol dire che abbiamo trasmesso delle emozioni alla gente che ci viene a vedere. C’è un’aria indescrivibile. Magica. D’impresa.
La stessa aria travolgente e frizzante che si respirava prima della partita contro il Perugia, in finale di coppa Italia. Ma questa volta non vogliamo fallire.

Senti il peso di dover affrontare una gara così delicata con la fascia al braccio e rappresentare circa 15000 persone, peraltro tuoi concittadini?danilo2
E’ ovvio sentire un briciolo di tensione e tanta responsabilità. Rappresentiamo tanti cittadini e siamo contenti di poter regalare loro un sogno. Il segreto, però, sta nel tramutare questa responsabilità in carica positiva. Una volta sceso in campo dimentico tutto e libero la mente, concentrandomi solamente su un obiettivo, i tre punti.

Il Matera l’avete già battuto all’andata. In terra lucana dimostrasti di poterti caricare tutta la squadra sulle spalle, vista l’assenza, in quel match, di due grandi senatori, quali De Matos e Martellotta. Avete buone possibilità di trionfo?
La partita dell’andata fu memorabile. Tutti riuscimmo a dare più del massimo e il risultato inevitabilmente ci premiò. danilo4Tornammo a casa contenti, soddisfatti e diversi. Acquisimmo la consapevolezza di poter lottare per qualcosa d’importante, anche se in fondo lo sapevamo già.
Domani sarà tutt’altra partita. Ma se ci siamo riusciti all’andata, non vedo perché non dovremmo riuscirci al ritorno.

Il Matera è fuori dalla lotta promozione diretta, mollerà la presa e si concentrerà sui playoff  lasciandovi vita facile?danilo1
Il Matera è fuori dalla lotta promozione diretta, ma deve garantirsi il terzo posto, che ti toglie l’inghippo di una trasferta lunga e faticosa, come quella di Catania. Poi, in più c’è la voglia di rivalsa che alberga in ognuno di loro, oltre al fatto che battere la capolista ha sempre un sapore speciale.

Nel tennis si dice “avere il braccino”. Molti sentono la pressione e spesso si ha paura di vincere, che sembra un paradosso. Voi avete più paura di vincere o voglia di salire in A2?danilo3
Ci alleniamo duramente da sette mesi a questa parte. Tutti abbiamo un unico grande obiettivo, quello di salire di categoria. C’è grande desiderio di promozione e di salire su un treno che forse passa una sola volta nella vita.

Chi deciderà l’incontro?danilo3
Mi fecero la stessa domanda prima dell’incontro contro il Sammichele. Ci presi, perché poi la decise Martellotta, non presente sulla locandina fatta dalla squadra barese. Adesso vi dico che la deciderà chi non vi aspettate.

L’obiettivo primario qual è, coppa Italia o campionato?
L’obiettivo primario è il campionato. Poi, la coppa Italia è più una cosa personale.


Commenti