Categorie
Futsal

Il prepartita di Antonio Bufano: “Caltanissetta, ti riconquistiamo”

bufano

Dai piani alti della dirigenza, arriva la giusta e attesa carica per affrontare quest’ultima parte di stagione. A parlare, a poche ore dall’incontro con il Caltanissetta è Antonio Bufano, il vicepresidente giallorosso, che più di un anno fa accompagnò la squadra sempre in quel di Caltanissetta per il primo grande appuntamento con la storia, i quarti di finale di coppa Italia, poi vinti.

Ancora Caltanissetta. Che le viene in mente se si parla di questa squadra?
A Caltanissetta affrontammo la prima vera trasferta. In ballo c’erano i quarti di finale di coppa Italia, partita insidiosa, contro una squadra che per nulla conoscevamo. Disputammo un’ottima partita, così come i nostri avversari, ma alla fine fummo noi a portare a casa la vittoria. Cercheremo di ripeterci e di passare un altro grande pomeriggio sportivo in Sicilia.

bufano2Come affronterà la prima della classe l’incontro contro la penultima del girone, problemi di motivazione?
Non sarà una partita facile, i ragazzi saranno motivatissimi. La partita dell’andata terminò 2-1 per noi, ma non fu facile. Il Caltanissetta fa delle ripartenza la sua arma migliore, chiude bene gli spazi e sa quando aggredire. Non penso meriti il penultimo posto in classifica. Loro hanno l’obiettivo salvezza da centrare, noi il campionato. Sarà una sfida aperta, ma nessuno delle due guarderà prima la classifica. Le squadre daranno vita a una grande battaglia nonostante i tanti punti di differenza.

Momento cruciale della stagione. Il Cisternino a Caltanissetta, il Sammichele a Mola, il Matera contro il Fata Morgana. Chi rischia di più e quando si deciderà il campionato?
In questo turno rischiano tutte, noi, però, più delle altre. Caltanissetta è una delle trasferte più difficili, dobbiamo farla nostra. D’ora in poi, chi sbaglia è quasi perduto. I punti in palio sono diversi e la classifica è corta. Niente passi falsi, ma a iniziare da ora.

bufano3Cinque partite al termine: Caltanissetta, Mola, Bagheria, Matera, Fata Morgana. Qual è l’ostacolo più difficile da superare?
Adesso qualsiasi passo falso, vorrebbe dire rovinare quanto di buono fatto. Sabato c’è il primo ostacolo, il più duro. Ogni partita fa storia a sé, per adesso concentriamoci sul Caltanissetta, poi  tireremo le somme.

Il risveglio di Galan, le cento reti di De Matos, il cinismo di Baldassarre e la solidità di tutto il pacchetto difensivo. Chi finora è stato il più decisivo della squadra giallorossa?
Il gruppo. In una compagine del genere, tutti sono importanti, ma nessuno è indispensabile. Ognuno fa la propria parte. Abbiamo fatto qualche errore soprattutto nella parte iniziale del campionato, ma ciò ha permesso loro di lavorare sui punti deboli. Adesso siamo migliorati rispetto al girone di andata. Siamo una grande squadra composta da grandi giocatori, con un grande condottiero. Quando la Block Stem Cisternino gioca da squadra, non ce n’è per nessuno.


Commenti