Categorie
Futsal

Il prepartita di Alexandre Bruno: “Non abbiamo paura di nessuno”

foto

Da quando ha deciso di alzare il livello delle sue prestazioni, la Block Stem Cisternino ha spiccato il volo, in termini di risultati e di gioco. Bruno è uno degli uomini su cui il d.s.Perrini ha deciso di puntare nella sessione di mercato estiva. Due goal, entrambi contro il Matera e quattro prestazioni eccellenti, contro il lucani e contro Salinis, Sammichele e Catania che lo incontrano come uno dei migliori del girone di andata della squadra di Castellana. Carismatico e leader, Bruno è l’uomo che può dare la scossa prima di due appuntamenti cruciali, contro Isola e Bisceglie.

Cinque vittorie consecutive e terzo posto in classifica per la Block Stem Cisternino che adesso è una delle squadre, con Isola e Bisceglie, più in forma del campionato. E’ questa la reale forza della vostra squadra o addirittura si può migliorare ancora?
C’è ancora da migliorare, assolutamente. Per farlo, occorre continuare a lavorare duro ed essere consapevoli di poter fare sempre meglio.

Un fastidio muscolare le prime settimane, dovuto probabilmente a una preparazione abbastanza faticosa e poi un continuo crescendo di condizione fisica.
Ad inizio preparazione, è difficile non incappare in un problema muscolare. Abbiamo uno staff molto preparato e grazie a loro riusciamo immediatamente a recuperare e tornare al top della forma fisica nel giro di poco tempo.
E’ probabile che la paura di un nuovo infortunio abbia condizionato le tue prime uscite in maglia giallorossa?

Ho subito due interventi allo stesso ginocchio in meno di un anno. E’ stata dura accettarlo, anche perché ero nel momento migliore della mia carriera. Adesso ho recuperato pienamente, non ho più paura, conosco perfettamente il mio corpo e so il momento in cui posso sforzare e quello in cui, invece, devo rallentare.

Prima Isola, poi Bisceglie, entrambe prime in classifica a più tre proprio dalla Block Stem Cisternino. Come si preparano psicologicamente, fisicamente e tatticamente questi due incontri?
Personalmente adoro giocare partite del genere. Per raggiungere un ottimo risultato, serve dare il massimo in allenamento e prepararle fisicamente e tatticamente alla perfezione. Bisogna mantenere la concentrazione elevata, perché abbiamo notato fin da inizio stagione che queste partite le portano a casa le squadre che commettono meno errori nell’arco dei 40’. Questi match si giocano con la testa. Dal canto nostro, rispettiamo tutti, ma non abbiamo paura di nessuno.

Qualche anno fa il tuo esordio in nazionale. Tra i tuoi obiettivi di questa stagione o magari della prossima c’è anche la riconquista di un posto nella selezione italiana?
Rispetto e ringrazio il c.t.Menichelli e Nino Crapulli per tutto quello che hanno fatto per me, soprattutto quando mi sono infortunato. Ho un ottimo rapporto con loro, che mi hanno dimostrato solidarietà e disponibilità fin dal giorno dopo il mio problema al ginocchio. Chiunque nutre il desiderio di giocare con la maglia azzurra, io di ritornarci, ma prima devo concentrarmi sul campionato e pensare esclusivamente a vincere con la maglia del Cisternino.


Commenti