Categorie

Block Stem Cisternino, RICOMINCIARE

foto1

E’ un segno del destino, la Block Stem Cisternino tornerà in campo domani, sabato 18 ottobre, con il vento e il presente che avranno spazzato via le ombre e le paure del passato rappresentate sia da una sconfitta, contro il Sammichele lo scorso sabato, sia da un pericoloso e poco confortevole venerdì 17.
Iattura e sciagura alle spalle, visto il giorno, vista la sfortunata rappresentata da pali e traversa incrociate il weekend scorso, i giallorossi tornano sul gommato del Salvemini, di Fasano, per affrontare il fanalino di coda Catania, che ha ancora molto da dire a questo campionato, visto il sorteggio poco benevole che ha messo contro gli etnei, in questo inizio di campionato, le due serie candidate, insieme al Matera, alla promozione in A2, o almeno ai playoff, Sammichele e Mola.

Galan si, Lisi e Colucci no – Questioni d’infermeria e di burocrazia. La Block Stem abbraccerà, finalmente, uno dei colpi pregiati della campagna acquisti estiva, Rubèn Galan, prodotto del vivaio del Ceuta. Il mancino veloce, agile e molto tecnico non ha disputato le due gare inaugurali per via di alcuni ritardi burocratici legati al suo transfer, arrivato nella giornata di lunedì in Italia. La ruota gira, c’è un nuovo tassello a disposizione di Castellana, che però dovrà fare a meno del perno del pacchetto difensivo, peraltro in rete nella gara di Crotone, Daniele Lisi, espulso nella gara di sabato scorso e appiedato, per una giornata, dal giudice sportivo. Continua il lavoro di recupero di Colucci, che verosimilmente sarà pronto subito dopo la sosta, fissata per il prossimo weekend in vista degli impegni della nazionale italiana.

SamBa – Una sfida a ritmo di samba. Brasile contro Brasile, nonostante i chilometri di distanza dall’America Latina. Da una parte il giallorosso, più che verdeoro ormai, Cainan De Matos, vincitore lo scorso anno della classifica capocannonieri e quest’anno già distante 5 reti dalla prima posizione, dall’altra Orlando Bidinotti, amico di De Matos e una sola rete in più del numero 3 di Cisternino. Entrambi indicati come i protagonisti della serie B stagione 2014/2015, sono già costretti a rincorrere Garofalo. Il “catanese” di San Paolo, il “cistranese” di Tapera, si ritrovano a Fasano nonostante i due paesi d’origine siano lontani poco più di 1000km, per noi sarebbe quasi un Cisternino – Zurigo, ma incontrarsi dall’altra parte del mondo, magari a New York. I due si conoscono e sono grandi amici. De Matos commenta così questa “sfida nella sfida”: “ Sarà un piacere giocare contro lui. Entrambi però lotteremo più per la squadra che per la classifica marcatori. Spero che i tifosi assistano a un gran bello spettacolo”.

cainanriccardo
De Matos è arrivato a Cisternino solo da un anno dopo una breve parentesi proprio a Catania, nel Viagrande però, l’altra squadra etnea: “Sarà un piacere incontrare gente che ho avuto modo di conoscere nel mio anno a Catania, ma ormai il mio posto è qui a Cisternino”.

Sotto a chi tocca – Nelle recenti interviste, tutti i giocatori della Block Stem Cisternino si sono detti “motivati e agguerriti” nel raggiungere, nuovamente, la vittoria. Tra tutti Punzi e Solidoro, ascoltati nel corso dell’inizio della settimana. Dopo la partita casalinga col Catania e la sosta dovuta all’impegno in Kuwait dell’Italia, i giallorossi affronteranno la seconda trasferta stagionale, ancora in Calabria, questa volta a Reggio Calabria, contro il Cataforio.
Spogliatoio compatto e coeso, non esiste sconfitta nel cuore di chi lotta. Accantonato il k.o si pensa già al presente e al futuro. Col Sammichele l’unico dato certo è quello che il Cisternino c’è e può dire la sua, anche quest’anno, già da domani.


Commenti