Categorie
Futsal

Block Stem Cisternino, Liuzzi: “Io presidente di un gruppo unico. La coppa Italia il nostro sogno”

paolo1

In mattinata, sul sito ufficiale della società giallorossa, è stata pubblicata un’intervista al presidente Paolo Liuzzi.
Liuzzi ricopre questo ruolo da quattro mesi ormai e questo è il giusto momento per fare un bilancio della situazione. Il presidente, in questa intervista, ha spiegato le ragioni del successo e gli obiettivi futuri della Block Stem Cisternino, sempre più in cima alla classifica.
Battute finali anche sul mercato appena concluso e sui tifosi considerati l’arma in più.

Mercato chiuso mercoledì. Un bilancio finale?
I meriti vanno senz’altstaff2ro al nostro direttore sportivo, Perrini, per quanto di buono abbia fatto in questa finestra di mercato. Il bilancio finale è più che positivo, abbiamo rimpiazzato subito i partenti, con due ottime pedine, come Schiavone e La Rocca. Lavoro preciso e accurato. Mi ritengo soddisfatto.


Due colpi a sorpresa, Schiavone e La Rocca. Come sono nate queste trattative?

Avevamo la necessità di acquistare due giocatori esperti e già calati in questa categoria. paolo2I ruoli dove il d.s. ha operato sono quelli in cui avevamo la necessità. Adesso abbiamo una rosa più completa, sia sotto il profilo tecnico che quello dell’esperienza.

D’ora in poi qual è l’obiettivo del Cisternino?
 Noi viviamo alla giornata, il segreto è non soffrire di vertigini e restare con i piedi ancorati a terra. Continuiamo su questa strada, senza porci limiti. Per ora però abbiamo realizzato un piccolo sogno, la qualificazione alla coppa Italia, e possiamo già ritenerci soddisfatti.

Preliminari di coppa Italia ormai conquistati e vetta della classifica che parla cistranese. Vi aspettavate questo risultato? Di chi sono i meriti?
Nessuno avrebbe scommesso un euro sul nostro primato al giro di boa. Speriamo di continuare su questa strada. staff3I meriti sono di tutti, dal mister, in primis, al direttore sportivo, quello tecnico e così via. Se siamo qui il merito è di tutti quelli che lavorano costantemente per la squadra. In questo sono compresi ovviamente anche i tifosi, sono straordinari, fanno i chilometri per noi. Sono il vero sesto uomo in campo, che si tratti di casa o di trasferta. Il gruppo è unico, i risultati sono la giusta ricompensa.

Infine, qual è il giocatore che un domani vorresti portare a Cisternino?
 Un domani vorrei giocare la serie A con lo stesso identico gruppo. Stiamo bene, siamo una famiglia. Il nostro d.s, ha allestito un’eccellente squadra. Questo è  un gruppo fatto di ragazzi umili e “lavoratori”. Li stimo e non potrei avere di meglio.


Commenti