Categorie
Futsal

Block Stem Cisternino, bella e possibile

bagheria6


Ancora una vittoria, la sesta di fila e la quarta consecutiva con un goal di scarto, dopo Melito, Caltanissetta e Mola, per la Block Stem Cisternino.
Trascinata sia dall’italobrasiliano De Matos, sia dai propri tifosi, arrivati in massa nel fasanese, la squadra giallorossa si porta, complice la sconfitta del Sammichele contro il Matera, in testa al girone, insieme alla compagine lucana e quella barese.
Bella – I giallorossi giocano bene, ma come al solito concretizzano poco. Partono forte, recuperano lo svantaggio e portano a casa l’intera posta in palio a qualche minuto dalla fine, nonostante il forcing finale siciliano. Da qualche incontro Solidoro e compagni oltre a vincere riescono a incantare i propri sostenitori, sempre più numerosi nonostante l’handicap della trasferta costante e dell’inagibilità del proprio palazzetto.
Tatticamente ineccepibile, la squadra giallorossa è il team più in forma del torneo vista la striscia vincente che ora come ora la porterebbe di diritto almeno ai preliminari di coppa, distanti tre punti, conquistabili in due partite, nonostante potrebbero bastarne meno.bagheria3
Possibile – Era stata definita come la partita della verità, quella che avrebbe fatto raggiungere, o quantomeno sfiorare, traguardi qualche mese fa impossibili, specie dopo la doppia sconfitta di inizio campionato. Adesso tutto sembra possibile, dalla coppa Italia, alla vetta del campionato, alla promozione in A. Alcuni traguardi sono ancora lontani, altri così vicini che tra l’euforia post vittoria sembravano, per qualcuno, già tagliati.
La Block Stem Cisternino vince, fa divertire e sognare ma è a solo metà dell’opera.

La partita – Caramia all’esordio, poi Lisi, Baldassarre, De Matos e Solidoro, per Castellana. Scianna, Pulèo, Cascino, Cottone, Centineo, per Tripoli.
Nei primi 10’ succede ben poco: qualche occasione per i giallorossi e un palo per il Bagheria. bagheria5Al 12’ si sblocca il match, grazie alla rete di Piazza, pareggiata solo 7’ più tardi dalla rete di Solidoro, al suo primo centro in maglia giallorossa.
Nel secondo tempo in 13’ De Matos segna una doppietta, grazie anche all’assist per la seconda marcatura di Baldassarre. Tra le due reti, c’è il goal del Bagheria, con Costa.
Nei minuti finali succede un po’ di tutto: il Bagheria si vede allontanare due uomini, Puleo prima e Cottone poi, mentre il Cisternino segna con Punzi una bellissima rete, dopo una galoppata sull’out di destra, ma concede due possibilità ai siciliani di rientrare in partite, un tiro libero, neutralizzato da Caramia e un rigore, fallito però da Cascino, in rete nel finale di partite per il 4-3.

Che prova! Il Cisternino esce col sorriso sul viso, metaforicamente parlando ovviamente. Ottima prova per tutti, da Caramia, all’esordio in serie cadetta, a Schiavone all’esordio invece con la maglia della Block Stem Cisternino, fino ad arrivare a Baldassarre, oggi in versione assistman dopo aver segnato già 10 reti, e Lisi e Martellotta, invalicabili anche quest’oggi.bagheria4 Il playmaker di Pezze è stato ammonito nel finale di match e salterà per squalifica la gara di Matera: “Ho colpito il pallone col braccio, che era attaccato al corpo però. Il tiro era a distanza ravvicinata, quindi era assolutamente involontario il mio tocco. Salterò Matera, ma conosco i miei compagni e so che sopperiranno a meraviglia alla mia assenza – ha detto il centrale difensivo giallorosso -. Abbiamo giocato davvero bene, soprattutto in fase difensiva. Dobbiamo concretizzare molto di più, ma ora l’importante è essere lì”.

Corsa ai playoff – C’è traffico nelle posizioni di testa, manco fosse la Salerno – Reggio Calabria. Squadre campane però non ce ne sono, né tantomeno calabresi, forse l’unica regione escbagheria1lusa da questa corsa ai playoff. La Puglia c’è con il Sammichele e il Cisternino entrambe con più di un piede in coppa e per ora prime a 21 punti, così come i lucani del Matera, unica rappresentante della Basilicata. A inseguire ecco le siciliane Bagheria e Catania, ferme a 18 e meno 3 dal trio di testa.  Tutto è ancora in bilico e in 80’ si deciderà il destino di questo pazzo girone F di serie B nazionale.


Commenti