Categorie

Basket, Serie D: Lecce svaligia il Palatodisco, Giganti al tappeto. (49-69)

Foto di Cristina Chirulli

Domenica 10 aprile,

Boccone amaro quello che il club giganti Cisternino è oggi costretto a deglutire.

Ospite dei giallo-blù per la circostanza la nuova Pallacanestro Lecce, squadra a soli 2 punti di differenza in classifica (prima di oggi), e che i nostri con un successo agguanterebbero.

Cisternino costretta oggi a rinunciare oltre che al rientrante Friuli e a Semerano, anche al lungo cegliese Argentiero, procuratosi ingenuamente due giornate di squalifica nella trasferta vincente di Rutigliano.

La rimaneggiata squadra di Bruno Marzulli parte con le marce alte, tenendo testa ai maglia arancio per tutta la prima metà di gara.

Addirittura a fine primo quarto i padroni di casa raggiungono il cospicuo vantaggio di +15, parendo assolutamente in grado di gestire la giovane rivale.

A partire dal terzo quarto però le facce viste nella prima frazione cambiano: tensione e irruenza prendono il sopravvento, e i nostri, innervositi anche dal metro arbitrale probabilmente un po’ troppo ‘’the show must go on’’ (o come si direbbe nel calcio, alla Inglese) , perdono lucidità, forzando tiri improponibili e ostinandosi a perseguire scelte discutibili.

La frittata viene totalmente ribaltata, e Lecce prende saldamente in mano le redini della contesa, a partire da una difesa chiusa nell’area e piuttosto statica, ma, purtroppo per i nostri, efficace.

Negli ultimi 2 quarti i padroni di casa segnano pochissimo.

Il risultato finale (49-69) è più che eloquente, considerato che i nostri erano già 41 a metà gara,

e non può che lasciare sul palato dei Giganti un retrogusto amaro di quelli difficili da rimuovere.


Commenti