Categorie

Basket, Serie D: i Giganti chiudono con la vittoria, battuta Mesagne in casa. (73-54)

12351087_10207038740799768_1957614501_n

Martedì 10 Maggio,

La Ciaurri srl di Mesagne chiude la sua stagione in trasferta al Palatodisco, contro un Club Giganti che, a cuor leggero, è qui per giocarsi l’ultima di campionato senza (per dirla come la direbbe Bono degli U2) ‘’Nothing to win and nothing else to lose’’.

Con Friuli ancora in bacino di carenaggio, e con Monaco indisponibile, coach Marzulli si affida oggi al quintetto formato da Zizzi F. , Pepe, Agrusta, Cofano e Argentiero (rientrante dopo l’ennesimo problema al ginocchio).

La partenza è assai complessa: i nostri sbagliano i primi 5 tiri della gara trovandosi in un amen sull’8-0. Due estemporanee triple dal centro di Zizzi F. riportano subito in carreggiata gli home, che rimontano sino al 9-9.  E’ proprio il play classe 93 a lasciare subito il campo in favore di un più aggressivo ma impreciso Stefano Zizzi, il quale però dimostra una volta di più di padroneggiare ormai il campo, non esitando nel prendersi tiri importanti.

Trovando buone linee di penetrazione e riuscendo ad andare in lunetta più volte, i nostri riescono a chiudere il primo quarto sul 28-19.

La seconda frazione vede il ritorno in campo del play titolare, che dopo essersi chiarito le idee in panchina,  illumina il proscenio con altre iniziative personali interessanti, che spiazzano la difesa ospite. Nonostante le cattive percentuali intanto, Pepe, da gran giocatore, continua a prendere buoni tiri, favorendo la possibiilità di rimbalzo offensivo. I nostri capitalizzano da ogni buona situazione, e mettono a segno una serie di punti da secondo tentativo, che fanno tutta la differenza del mondo.

Sotto le plance ottimo il lavoro di Argentiero, Agrusta e Cofano, che catturano praticamente la totalità dei rimbalzi e delle ‘Fifty-Fifty balls’. Ottimo da questo punto di vista anche l’impatto del giovane Giacovazzo, che cattura 7 rimbalzi in meno di 10 minuti di gioco. A metà gara è 37-30.

A inizio terzo quarto coach Marzulli si affida all’ottimo Nannavecchia. L’esterno scuola Ceglie, probabilmente il migliore oggi in maglia giallo-blù, legge la gara con saggezza e lucidità in tutte le fasi del gioco. E’ forse lui la scintilla che, nella seconda metà di partita, innesca la fiamma della vittoria. Mesagne fatica ora a trovare la via del ferro, ed è costretta a sparacchiare a salve da fuori, senza impensierire particolarmente la compatta zona cistranese.

Nell’ultimo quarto c’è spazio anche per i più giovani. Il lavoro di sodalizio dfensivo svolto dalla squadra è lodevolmente in grado di impedire la solita rimonta, vero e proprio incubo dei giallo-blù nelle ultime partite. Finisce 73-54.

Scongiurato il pericolo dunque, i nostri chiudono in bellezza una stagione dal bilancio tutto sommato positivo, durante la quale è trasparsa la lampante possibilità che Cisternino avrebbe sulla carta di tornare a comparire sulle carte geografiche della Puglia, almeno a livello cestistico, cosa che non accade ormai da parecchi anni. Estate di riflessione dunque ora per giocatori, staff e società, e appuntamento all’anno prossimo, con il campionato di serie D.


Commenti