Categorie

Basket, Serie D: Carnevale a Colori Giganti, Brindisi cede al Palatodisco (65-54)

Nnwvw+

Domenica 7 febbraio,

Il palatodisco, riluttante nel concedersi ad ogni tipo di carnevalesca pigrizia, continua indifferente ad offrire agli appassionati del genere le sue attività sportive.
E l’attività che ci interessa raccontare oggi, è quella a cui siamo particolarmente affezionati: la palla a spicchi.

L’Assi brindisi affronta oggi un itinerario non indifferente per recarsi nel nostro borgo in trasferta, ad affrontare il Club Giganti Cisternino.
Coach Marzulli, in contumacia Semerano, si affida oggi ad uno starting five relativamente leggero, con Zizzi e Pepe in guardia, Agrusta e Friuli in Ala, e Argentiero da ‘5’ (se è ancora possibile parlare di ruoli, considerato l’andazzo della pallacanestro moderna).

L’atipico starting five, è infatti in grado di mettere in difficoltà la difesa ospite già dalle prime battute. In special modo, particolarmente fluida è la circolazione dei nostri contro la 3-2 schierata dai Brindisini.

La fazione ospite può contare sia su elementi esperti (veterani sempre pericolosi sotto le plance e nei pressi del ferro) che sulla freschezza di, seppur non troppo esplosivi, ragazzi più giovani.
L’approccio alla partita degli ospiti è quello da loro sperato, infatti il ritmo viene tenuto piuttosto basso nei primi due quarti, dove è negato ai padroni di casa di correre e giocare la propria pallacanestro di transizione.
Anche nella seconda fazione la contesa è fangosa. Molti contatti sospetti inducono gli arbitri a dover cambiare in corsa criterio di fischio, e a rendere il proprio metro molto più fiscale. Le ripetute gomitate, smanacciate e ammucchiate però, non portano i nostri a innervosirsi più di tanto. Mantenendo una calma olimpionica infatti (nonostante l’infortunio di Agrusta, le ripetute botte al naso subite da Pepe, e i falli subiti da Argentiero sotto canestro) i nostri continuano a restare focalizzati sulla partita, e dopo una serie di parziali dati e subiti, la squadra di casa riesce ad assestare il colpo decisivo, prendendo un gap significativo, e consentendo a coach Marzulli di dare spazio a tutti, giovani compresi (Loparco, Giacovazzo).

Fondamentale è risultato l’impatto difensivo a cavallo tra terzo e ultimo quarto di uomini come Zizzi e Pepe, e di un veterano come Nannavecchia dalla panchina.
Lo score finale parla di un 65-54 , eloquente e decisivo; i nostri confermano il momento positivo, e si preparano ora alla difficile trasferta di domenica prossima, quando a Taranto affronteranno il S.Rita Taranto, alle ore 18.00, per staccarsi dalla zona pericolosa di classifica, e stabilizzarsi più in alto.


Commenti