Categorie

Basket, Serie D: Amaro capitombolo casalingo; S.Rita espugna il Palatodisco (67-79)

iiiii

Domenica 18 ottobre,

Il Club Giganti Cisternino, reduce dalla sconfitta in trasferta a Brindisi, torna oggi tra le mura amiche del PalaTodisco per affrontare l’ottima Anspi S.Rita.

Coach Marzulli, orfano oggi dell’ala Agrusta, si affida a Monaco, reduce da due prestazioni assolutamente convincenti, schierandolo in quintetto insieme ai soliti Zizzi F., Pepe, Semerano e Argentiero.

Dopo un solo minuto di gioco, il coach mischia subito le carte in tavola, abbassando drasticamente il quintetto, inserendo Nannavecchia al posto di Semerano.

Il veterano cegliese ha un ottimo impatto sulla gara, e combinando i suoi sforzi con quelli degli aggressivissimi Pepe e Monaco, riesce a stabilire un discreto controllo della partita. Campo nel primo quarto anche per i giovani Zizzi S. e Friuli, che esordisce con buon minutaggio e può così testare il suo ginocchio in ripresa.

In contumacia Agrusta, tocca a Pepe ed Argentiero fare gli straordinari in attacco: i due si prendono responsabilità e possessi, e, seppur sporcando il foglio, tengono assolutamente a galla i padroni di casa. Gli ospiti dal canto loro (in particolare il più che leggiadro Sarli) capitalizzano tutte le situazioni a disposizione, schiaffeggiando la retina ripetutamente con piazzati comodi.

L’attacco dei Giganti invece, negli ultimi 5 minuti del secondo quarto, si fa rimasticato e lento; la palla si blocca spesso nell’area piccola, e i nostri non trovano scarichi e riaperture comode.

Ottimo finale di quarto da parte del neo entrato Sabatelli, che piazza prima un 2 su 2 dalla lunetta e poi segna in penetrazione il buzzer beater del 36-38.

 

Anche all’inizio del terzo quarto, è l’ostinatissimo Argentiero a tenere i giallo-blù a contatto.

Impatto finalmente anche per Semerano, che a tratti tiene addirittura testa al centro Serpentino (vecchia conoscenza di tutte le squadre pugliesi), grazie alle sue braccia lunghe e al suo atletismo. A fine terzo quarto le cose sembrano mettersi bene per i Giganti: lo stesso Serpentino qualche azione dopo poggia male la caviglia sinistra, che sotto il suo notevole peso si gira, ed il bigman del S.Rita è costretto a dire stop alla sua sfortunata gara. Monaco sulla sirena del terzo quarto segna la tripla del vantaggio Cistranese, ed è 53-52.

Monaco come al solito fa anche un ottimo lavoro difensivo, impedendo temporaneamente agli ospiti di prendere il volo.

A 7 minuti dalla fine però le cose cambiano: per gli ospiti (ormai privi di Serpentino) mette piede in campo il numero 0 Cobianchi, tenuto a riposo fino a questo momento forse per qualche acciacco fisico, e la partita assume tutta un’altra piega.

E’ un dominio incontrastato: Stoppate, rimbalzi, assist dal post alto, punti e uno sfondamento preso. L’impatto del numero 0 è terrificante. I tarantini piazzano un parziale di 11-0 che manda i nostri K.O. in un battito di ciglia.

Nel finale, in campo si assiste ad un’ultima parentesi sensazionale: in un duello tra Davide e Golia, Pepe si ritrova su un cambio difensivo marcato dallo stesso Cobianchi. Decide di affrontarlo in 1 vs 1, lo batte in penetrazione, ma il lungo ospite rinviene e piazza la tremenda chasedown. La guardia cistranese recupera il rimbalzo offensivo, e ritrovatosi a fronteggiare Cobianchi gli piazza stavolta un pazzesco arresto e tiro in faccia che va a bersaglio. Passato questo esaltante frangente di pallacanestro però, i nostri sono costretti a fare i conti con la dura realtà:

finisce 67-79, una partita tenuta viva fino agli ultimi sette minuti, e vista sfuggir via da sotto il naso in un amen.

 

Con il record 1-3, i ragazzi di coach Marzulli si preparano adesso a sfidare fuori casa il Corato, che insieme al Ceglie guida la classifica con 8 punti, senza ancora aver perso una sola partita.

 


Commenti