Categorie
Atleta della settimana

Atleta della settimana, Gianpiero Tappero, non si passa

TAPPERO-06

Ritorniamo, puntuali, con la rubrica “atleta della settimana” .Verrà premiato, dalla nostra redazione, l’atleta cistranese, oppure militante in una società del nostro paese, che più si è contraddistinto nel corso del weekend e/o della settimana.
Quest’oggi abbiamo deciso di premiare Gianpiero Tappero, portiere dell’ASD Cisternino.
Il numero 1 giallorosso, domenica, in occasione del derby con il Pezze è riuscito a neutralizzare un rigore a pochi minuti dalla fine, e quindi a non far capitolare la propria squadra.
Tappero è il titolare dell’ASD nonostante qualche volta gli venga preferito Gioia, vista la regola che obbliga le società a schierare almeno tre under e vista anche la poca affluenza di questi nella rosa giallorossa.
Il Cisternino è al terzultimo posto in classifica, ma nonostante questo può dirsi sicura e protetta dalle mani di Gianpiero Tappero.

Diversi anni ormai alla corte dell’ASD Cisternino. Perché hai accettato tale incarico e cosa ti spinge a rimanere a difendere i pali di questa squadra?
Amo questi colori, questa società e il gruppo che si è formato nel corso degli anni. Sono rimasto al Cisternino prevalentemente per questo. Poi, ovviamente, vorrei riscattarmi dalla retrocessione dell’anno passato.

Sei stato il protagonista indiscusso dell’ultima giornata giallorossa. Hai neutralizzato un rigore, dubbio peraltro, facendo conquistare un punto alla tua squadra. Quant’è importante per un portiere farsi trovare pronto nel momento del bisogno?
Il ruolo del portiere è importante. Ci sono momenti in cui sei protagonista del match e altri in cui sei spettatore. Il segreto è dare sicurezza in qualsiasi momento al resto della squadra.

Primo punto casalingo e segnali di rinascita. Cos’è mancato fino ad oggi e cosa riserva il futuro per l’ASD Cisternino?
Penso che il calcio sia anche questione di fortuna. Purtroppo in questo momento la ruota gira nel verso sbagliato e ogni episodio ci è sfavorevole. Aspettiamo e lavoriamo per cambiare questo trend, penso che con il tempo saremo in zona playoff. In ogni caso ce la metteremo tutta per arrivarci.

Sei il portiere titolare del Cisternino, alle tue spalle c’è Gioia, un under. A volte ti viene preferito per via della regola che costringe la società a schierare i giovani. Nonostante ti sfavorisca, cosa pensi di quest’obbligo?
E’ una regola e come tale va rispettata. I giovani sono il futuro, quindi hanno bisogno di crescere, anche e soprattutto giocando. L’ultima parola però, al di là delle regole, spetta sempre al mister.

 

I due Cecere, Giordano, D’Amico, Pugliese, Chirico, Miccolis, Semeraro e altri giovani nella rosa giallorossi. Cosa pensi di questi e su chi punteresti per il futuro?
Punterei su tutti, nessuno escluso. Sono under e come tali sono il nostro futuro e i protagonisti di domani. Tutti, per via dell’età, hanno un potenziale di crescita enorme. Penso che miglioreranno ancor di più nel corso della stagione.

 


Commenti