Categorie
Atleta della settimana

Atleta della settimana, Francesco Martellotta, The wall

MARTE-07

Ritorniamo, puntuali, con la rubrica “atleta della settimana” .Verrà premiato, dalla nostra redazione, l’atleta cistranese, oppure militante in una società del nostro paese, che più si è contraddistinto nel corso del weekend e/o della settimana.
Questa settimana abbiamo deciso di premiare Francesco Martellotta, centrale difensivo della Block Stem Cisternino sempre più padrona del girone F di serie B.
Martellotta è il faro della retroguardia giallorossa. Diligente e vincente, il numero 5 giallorosso è da 3 anni il vicecapitano del Cisternino e quest’anno ha esordito in serie cadetta.
Nell’ultimo match è stato il migliore in campo, preciso e puntuale in fase difensiva, cinico e spietato in quella offensiva. Con lui si alza il muro giallorosso e si abbatte quello avversario.
Lieti di premiare l’uomo del momento in casa Block Stem Cisternino, Francesco Martellotta, il nostro atleta della settimana.

Francesco, 4-5 sul filo del rasoio. Battuto il Sammichele allo scadere. E’ stata la vostra rivincita? Raccontaci gli attimi finali dell’incontro.
Siamo contenti per il risultato ottenuto. Non è stata né una partita facile, né tantomeno spettacolare. Forse, però, in partite del genere contano poco i contorni e tanto la sostanza. Abbiamo messo in cassaforte tre punti importanti, ma non decisivi. cisternino6
Ho lottato fino all’ultimo secondo, rubato palla – anche aiutato da un loro errore- e segnato la rete della vittoria. Poi, sono corso verso i tifosi già festa. Sono tornato bambino in quel momento, sorridevo e sprizzavo gioia.

Martellotta sempre più leader. In C2 e C1 hai fatto di gran lunga la differenza, ora la stai facendo anche in B. Qual è la tua reale dimensione?cisternino7
Non ho più l’età (ride, n.d.r.). Questo stato di forma eccellente, mi meraviglia. Ma i meriti sono dello staff tecnico, ci conoscono perfettamente e sanno cosa fare per farci rimanere in forma.

Molti dicono che probabilmente qualora avessi fatto il salto di categoria qualche anno fa, adesso saresti in una grande squadra di serie A. Cosa ti ha frenato? Perché la serie cadetta solo ora e per giunta col Cisternino?
Ho fatto una scelta di vita, che rifarei assolutamente. Non sono pentito, ma soddisfatto di quanto fatto nell’arco della mia carriera. Di Cisternino me ne sono innamorato. cisternino5Ho vestito diverse maglie, ma il calore dei cistranesi è unico. I tifosi danno quella carica in più per continuare a sudare e lottare per questo paese. Poi, ho un rapporto straordinario con il d.s.Perrini e il dirigente Liuzzi. Non avrei mai potuto tradirli.

Martellotta e il futuro. Ti vedremo su qualche panchina?
Non credo, ma mai dire mai. In realtà adesso preferisco indossare gli scarpini e giocare. Non so il domani cosa mi riserverà, ma so per certo che adesso vorrei far esultare ancora per molto questi fantastici tifosi e magari far tremare qualche altra porta avversaria (ride, n.d.r.)

Sei un leader. Raccontaci lo spogliatoio.mart2
Sono d’accordo con il resto del gruppo, qui si sta bene, in fondo non è una squadra ma una grande famiglia. Col mister ho un rapporto speciale, sono onorato ad aver giocato per lui. E’ esigente, ma anche vincente, il che lo distingue dalla mediocrità. E’ una persona speciale, sa come si allenano grandi e piccini. C’è un bel vivaio, punterei molto su Punzi, ma anche su Papapietro e Castellana.

Campionato archiviato?
No, assolutamente no. Non montiamoci la testa. E’ stata una vittoria importante, ma non decisiva.mart1 Il campionato è ancora aperto e potrebbe succedere ancora di tutto. Restiamo umili e con i piedi per terra. Godiamoci tutto ciò che viene.


Commenti