Categorie
Atleta della settimana

Atleta della settimana, Cainan De Matos, poker face

12193986_10205223239676292_1759893837_o

Ritorniamo con la rubrica “atleta della settimana” .Verrà premiato, dalla nostra redazione, l’atleta cistranese, oppure militante in una società del nostro paese, che più si è contraddistinto nel corso del weekend e/o della settimana.
Questa settimana abbiamo deciso di premiare Cainan De Matos, protagonista indiscusso nella vittoria per 0-8 della propria squadra contro il fanalino di coda Salinis.
De Matos con le quattro reti di sabato sale a quota 7 centri in stagione, dopo soli quattro turni di campionato. Un ruolino di marcia niente male, destinati a migliorarsi nel tempo.

Cainan, terzo anno a Cisternino, facci un bilancio
Cisternino è il meglio che mi potesse capitare, sportivamente e non solo. Qui sto benissimo, svolgo in tranquillità il mio lavoro. Mi sembra come se fossi nato e cresciuto qui.

Ancora Block Stem Cisternino. Primo anno strabiliante, secondo eccezionale e il terzo?
Ho sensazioni positive anche quest’anno, come le annate precedenti. Sono convinto che sarà una nuova stagione più che positiva.

Una sconfitta e un pareggio alla prima, poi le due vittorie.
Sconfitta e pareggio contro due squadre che a fine campionato staranno certamente lottando per la promozione diretta. Non eravamo giocatori da buttare via prima e non siamo i più forti del girone ora, abbiamo solamente trovato la quadratura del cerchio e siamo diventati un collettivo, piuttosto che essere dodici individui che vagavano alla rinfusa in campo.

I meriti?
Di tutti. Nostri e del mister in primis: non è facile ripartire dopo due stop non propriamente felici, il primo arrivato dopo un’ottima prestazione, il secondo dopo alcune ingenuità. Ci siamo fatti forza e abbiamo svoltato pagina, non allungando il periodo buio, bensì aprendone uno splendente che è culminato con la goleada di sabato.

Raccontaci la partita di sabato.
Perfetta, per risultato e prestazione. Ognuno ha dato più del massimo e come abbiamo visto il risultato non è tardato ad arrivare. La Salinis è una buona squadra, che ha dato filo da torcere ad altre compagini del girone, quindi questa è una vittoria delicata e determinante.

DEMATOS3
Cosa è mancato alle prime?
L’abitudine a giocare a questi livelli. Siamo un gruppo giovane, diversi classe ’90 e pochi, ma buoni, senatori. Non dimentichiamoci che più della metà della rosa non aveva mai fatto neanche panchina in A2, quindi l’emozione e il non conoscerci ci ha un po’ penalizzato.

Sabato arriva la tembilissima Matera.
Una delle squadre più in forma del genere. Scenderemo in campo con la voglia di allungare la nostra striscia positiva, sapendo, però, che loro sono forti, in forma ed esperti, e che vorranno portare a casa l’intera posta in palio. Ci impegneremo affinché il risultato propenda dalla nostra parte, perché, oggi, confermarci è la cosa che più vogliamo.

Si può pensare in grande?
Non montiamoci la testa. Siamo in una buona posizione di classifica, ma forse avremmo meritato anche qualcosa in più. Non scordiamoci che siamo andati vicino a far risultato anche con l’Olgiata e con l’Augusta eravamo sopra di 2.

E’ giusto parlare di promozione e/o final eight?DEMATOS2
Non vogliamo pronunciare nessuna di queste parole. Il nostro intento è quello di scendere in campo con l’obiettivo di vincere la partita, poi vediamo che succede, ma la maglietta, al fischio finale, deve essere sempre sudata. Il campo darà il proprio verdetto.

Ci sono margini di crescita?
Diversi. Siamo solo al 50%, credo, anzi, forse anche meno. Il tempo, come detto da più settimana, ci darà ragione. Noi adesso ci godiamo il momento e lavoriamo affinché questo persista.

Che farà Cainan De Matos in futuro?
E’ presto per parlare del domani. Mi godo l’oggi e questa maglia che porto addosso. Amo i colori del mio paese, perché lo considero tale e giocherò a futsal per altri anni. Poi, lo sport mi piace, quindi non vi nego che vorrei restare in questo ambiente.


Commenti