Categorie
Atleta della settimana

Atleta della settimana, Cainan De Matos, la manita

foto

Il nostro atleta della settimana è Cainan De Matos.
Ancora una volta, l’universale della Block Stem Cisternino è passato agli onori della cronaca per la sua convincente, esaltante e devastante prestazione contro il Catanzaro, nella penultima gara di regular season. Il brasiliano di Tapera, classe ’90, è andato a segno per ben cinque volte, salendo a quota 26 goal stagionali e 149 con la maglia della Block Stem, dal momento del suo arrivo, ormai tre anni fa.

Una gara complessa con il Catanzaro, risolta solamente nel finale. Come mai questa difficoltà?
Non ci aspettavamo l’atteggiamento del Catanzaro, che ci ha sorpreso fin dal 1’ con la tattica del portiere di movimento. Ovviamente, in casa, avrebbero voluto fare risultato, e quindi erano super motivati, ma alla lunga siamo riusciti ad avere la meglio, conquistandoci la possibilità di provarci fino all’ultimo per questi playoff.

L’ultima in casa contro il Policoro. Con un pareggio sareste fuori dai playoff, quindi siete obbligati a vincere.
Non sarà facile, anche perché il nostro destino non è solo nelle nostre mani. Dobbiamo sperare in qualche risultato clamoroso, oppure vincere con sei goal di scarto, che non sarà assolutamente semplice. Sta di fatto che proveremo a centrare un risultato che tutti credono impossibile: ci siamo allenati duramente queste settimane per poter arrivare a questo punto, adesso armiamoci di buona volontà e tantissima speranza. In fondo, ci crediamo per davvero.

Quale sarà la vostra arma in più?
Spero l’entusiasmo oltre che la motivazione. Mi aspetto un PalaWojtyla gremito in ogni angolo di posto, e sono certo che questo succederà. Siamo una famiglia, sia noi che i tifosi ci giochiamo questi playoff insieme. Il loro supporto, così come avvenuto finora, sarà indispensabile per il raggiungimento di questo obiettivo.

Quanto ti manca Tapera e quant’è difficile colmare questa enorme distanza dalla famiglia?

Tantissimo. Lì ho la mia famiglia, mio fratello soprattutto, ma in Italia ho trovato l’amore, l’amicizia e la passione nel mio lavoro. Sono contento di essere qui, perché gradualmente questo posto è diventato come la mia Tapera, il paese dove amo vivere perché non mi manca niente. A Cisternino mi sento veramente a casa.

Ritorniamo al lato tecnico. 149 goal in maglia giallorossa, a meno uno da un grandissimo traguardo.
Partiamo dal presupposto che arrivare ai 150 non sarà il mio obiettivo primario sabato. Per carità, sarei felicissimo, ma sostituirei quella gioia con quella del pass per i playoff. In ogni caso, una media di 50 goal a stagione renderebbe orgoglioso chiunque. Ricordo con piacere tutti i goal.

 

Il futuro?

Io penso solo a sabato. Sarebbe sciocco, ora come ora, concentrarsi su altro quando alle porte c’è una gara così importante. La mia terza stagione qui non dovrà assolutamente terminare sabato. Voglio, insieme a tutti i miei compagni, questi playoff.


Commenti