Categorie

Arti Marziali, Alfio Romanut a Cisternino

streetfighter1

La Street Fighter, domenica 10 maggio, avrà il piacere di ospitare Alfio Romanut, coach dei fratelli Patrosyan”.
Tra poco meno di due settimane, le palestra di Raffaele Fedele, darà l’opportunità a tutti i suoi allievi, e non solo, di fare uno stage con il coach dei due fratelli Petrosyan, che qualche anno fa tennero – al PalaTodisco – uno stage sulle arti marziali.
“L’incontro sarà diviso in due sessioni da due ore – ha detto Raffaele Fedele -. Sono onorato nell’ospitare un grande maestro come lui, spero in una folta partecipazioni, così come in occasione dello stage con i suoi due allievi, Giorgio e Armen”.
Non trapela ancora nulla sulla sede in cui si terrà lo stage, seppur Fedele ci annuncia che a breve vi saranno novità anche su questo fronte.

Alfio Romanut – Conosciuto come il coach dei fratelli Petrosyan, Romanut è il maestro della prestigiosissima Satori Gladiatorum Nemesis, palestra che per diversi anni ha annoverato tra i suoi frequentatori, oltre che allievi, Giorgio e Armen.

Tuttora i due fratelli armeni naturalizzati italiani combattono per la squadra di Alfio Romanut, appunto la Satori Gladiatorum Nemesis.

In una recente intervista, il campione del mondo, Giorgio Petrosyan, ha detto su di lui: “E’ come un secondo padre, vedo più lui dei miei genitori. Frequento la sua palestra da quando avevo quattordici anni. Mi ha insegnato molto sia dal punto di vista sportivo che umano. Sono contento di non averlo mai deluso”.
Alfio Romanut, classe ’64, nel 1985 ha iniziato con il karate, ma dopo pochi mesi si è affacciato subito alla Muay Thai: “Per me la Muay Thai è il migliore stile di combattimento in piedi, adoro il ritmo e il movimento del Timing del K1. Il consiglio per tutti gli atleti? Allenamento, allenamento, allenamento”.

Raffaele Fedele – Il maestro della Street Fighter già freme in vista dello stage di domenica 10 maggio: “Per me è solamente un onore poter ospitare Alfio Romanut. Non sono io a dover spiegare al mondo delle arti marziali chi è, il suo nome dice tutto. Per i ragazzi che prenderanno parte a questo stage, consiglio di cercare di “rubare” tutto da un uomo che da decenni è il faro italiano di questo disciplina – ha detto Raffaele Fedele-. Spero vivamente in una folta e ampia partecipazione. Sono entusiasta di poter ospitare, dopo i fratelli Petrosyan, il loro coach”.


Commenti